Home Lo studioCurriculumCosa fare in caso di...ContattiDieteVaccinazioniPubblicazioni
Home page > News > Ritiro non in Italia del vaccino esavalente e ritiro in Italia di alcuni (...)

Ritiro non in Italia del vaccino esavalente e ritiro in Italia di alcuni vaccini antinfluenzali

giovedì 18 ottobre 2012

In questi giorni sui giornali si sono lette due notizie. la prima è relativa al ritiro in alcuni stati europei (ma non in Italia) di un lotto del vaccino Infanrix Hexa. Questo è il vaccino che utilizziamo anche noi, ma il lotto che è stato ritirato dalla ditta produttrice non è presente in Italia. Vorrei spiegare cosa è successo per evitare inutili allarmismi.

Nei giorni scorsi GlaxoSmithKline Vaccines, nonostante i controlli di qualità avessero dato il via libera alla distribuzione, ha deciso il ritiro precauzionale di 30 lotti di vaccini Infanrix Hexa e PolioInfanrix in alcuni Paesi. Tra questi non c’è l’Italia, semplicemente perché nessuno di questi lotti è mai entrato nel nostro Paese. La decisione è stata presa in modo autonomo dall’azienda dopo che i rigorosi controlli di sicurezza a cui è sottoposta anche l’area di produzione dei vaccini avevano evidenziato la presenza di un batterio nell’ambiente. La notizia, come spesso accade in situazioni del genere, è arrivata in Italia in modo strumentalmente distorto generando panico in primo luogo tra le mamme e preoccupazione tra medici e pediatri. L’AifA (Agenzia Itaiana del Farmaco) ha ritenuto opportuno postare sul proprio sito un comunicato ufficiale (vedi di seguito) per evitare allarmismi immotivati. Immotivati peraltro anche nei Paesi interessati, visto che i vaccini ritirati non presentavano tracce di alcuna contaminazione e che i soggetti eventualmente già vaccinati non corrono alcun pericolo e nemmeno devono essere rivaccinati.

NOTA AIFA: Ritiro cautelativo di alcuni lotti di Infanrix in alcuni Stati membri: situazione in Italia (16/10/2012) Sicurezza 16/10/2012 In relazione al ritiro avvenuto in alcuni Stati di alcuni lotti di vaccini Infanrix hexa, Infanrix-IPV e Infanrix IPV/Hib prodotti da GSK, si comunica che i lotti coinvolti non sono stati distribuiti in Italia e per tanto non è stato necessario procedere ad alcun ritiro sul territorio nazionale. Si precisa che il ritiro cautelativo in alcuni Stati è dovuto alla non conformità rilevata durante il monitoraggio ambientale nell’officina di produzione. Nessuna contaminazione è stata trovata nei prodotti stessi. L’AIFA segue attentamente tale problematica e ricorda che sono attivi tutti i sistemi di controllo atti ad assicurare la qualità, la sicurezza e l’efficacia dei prodotti in questione.

Per quanto riguarda il ritiro del vaccino antinfluenzale, devo spiegare che il vaccino ritirato non è quello che utilizziamo noi questo anno a FIirenze PER LA VACCINAZIONE DEI BAMBINI. Il motivo del ritiro è dovuta al fatto che la ditta Crucel (produttrice) durante un controllo di qualità ha riscontrato una contaminazione batterica in due lotti. Tale risultato ha messo in allarme gli esperti che hanno ritenuto prudente bloccare la fornitura. Quindi chi si vaccinerà a Firenze deve stare molto tranquillo in quanto non si utilizza quel tipo di vaccino, ma se anche lo si fosse utilizzato questa vicenda deve far capire quanto sia alta l’attenzione che in ogni fase di lavorazione viene posta per la qualità e la sicurezza dei vaccini.

Questo sito aderisce ai principi HONcode.
SPIP | modello di layout | | Mappa del sito | Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
Copyright Giovanni Vitali Rosati 2010